Progetto “Ambientiamoci”: facciamo la nostra parte per salvare il pianeta

Il progetto “Ambientiamoci”, nato per dare il nostro contributo per salvare il pianeta, tutelare l’ambiente e migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti, ha terminato la sua prima fase, fatta di incontri nelle varie comunità, insieme agli eco-volontari del Comune.
Ecco un “diario” degli incontri già svolti (in ordine inverso).

Incontro nella chiesa del Follone – Siccome all’incontro organizzato dalle comunità evangeliche e rivolto ai francofoni era venuta poca gente, soprattutto a causa dell’alluvione di quel giorno, il gruppo La Puissance De La Parole ha invitato gli eco-volontari nella suasede, in zona Follone a Mondovì Carassone, al temine del culto di domenica 15 dicembre. I numerosi partecipanti hanno seguito con interesse le spiegazioni sulla raccolta differenziata, intervenendo con domande e considerazioni. L’incontro è terminato con l’invito a organizzare insieme la giornata di raccolta rifiuti in un quartiere della città e una Festa dei Popoli attenta all’ambiente.

Incontro per le donne, in moschea – L’ultimo incontro “ufficiale” si è tenuto il 30 novembre nella moschea Al Salam di via Cuneo. Un incontro di donne per le donne. Hanno partecipato un’eco-volontaria del Comune, una mediatrice culturale di lingua arabo-marocchina e alcune volontarie di MondoQui.

Durante l’incontro Cristina Zocco ha intrattenuto i bimbi con la lettura di fiabe.

Incontro organizzato dalle comunità evangeliche di Mondovì – L’incontro di sabato 23 novembre si è tenuto mentre era in corso l’alluvione: per questo la partecipazione è stata piuttosto scarsa. I pochi partecipanti hanno però seguito con attenzione e, visto che hanno trovato la formazione davvero interessante, accorgendosi pure che sulla raccolta differenziata spesso si crede di sapere tutto e invece ci si sbaglia, si è deciso insieme che l’incontro sarà riproposto nella chiesa evangelica del Follone, probabilmente una domenica al termine del culto, per raggiungere un numero più grande di cittadini.

raccolta differenziata Ambientiamoci incontro francofoni

Incontro organizzato dalle Comunità musulmane di Mondovì – Sabato 16 novembre si è tenuto il terzo incontro informativo del Progetto Ambientiamoci, nella Sala comunale “Scimé”. È stato organizzato dalle Comunità musulmane di Mondovì in collaborazione con MondoQui e con gli eco-volontari del Comune e della Coop. Proteo. Era presente una mediatrice culturale di “Spazio Mediazione Intercultura” ed è intervenuta pure Erika Chiecchio, Assessore comunale all’Ambiente. Buona partecipazione e molte domande da parte dei partecipanti.

MondoQui ambientiamoci raccolta differenziata

Particolarmente utile è stato l’intervento di uno dei presenti, che ha chiesto perché si sia pensato di organizzare questi incontri rivolti solo agli immigrati, come se tutti gli italiani facessero già bene la raccolta differenziata (cosa non del tutto vera, purtroppo). La domanda ha dato modo ai volontari di MondoQui di specificare che questo progetto è partito “dal basso”, ovvero dall’Associazione MondoQui insieme ai rappresentanti di alcuni gruppi di cittadini immigrati, comprese le due moschee locali. Il progetto prevede anche una giornata di “pulizia” di una zona della città e una “festa dei popoli” a basso impatto ambientale: vuole essere un’iniziativa di promozione della cittadinanza, della partecipazione e dell’impegno per una città migliore a cui, ovviamente sono e saranno invitati anche “gli italiani”.

Incontro organizzato dalla comunità rumena – Venerdì 8 novembre si è tenuto il secondo incontro informativo sulla raccolta differenziata, tenuto dagli eco-volontari  delComune e della coop. Proteo in presenza di una mediatrice culturale di lingua rumena. Era organizzato dalla Comunità ortodossa di Mondovì e si è tenuto nella chiesa di San Giovanni in Suceava all’Altipiano. I presenti sono intervenuti con numerose domande e si è instaurato un dialogo interessante e formativo per tutti. Al termine la comunità ha offerto uno spuntino.

Riunione organizzata dall’Associazione nigeriana – -Il primo incontro si era tenuto domenica 3 novembre  organizzato dalla “Edo State Community”, l’Associazione nigeriana di Mondovì.

raccolta differenziata Edo State Community Ambientiamoci

Il presidente, John Egbe, ha introdotto questa prima riunione e l’intera iniziativa, passando poi la parola a Fabrizio Clerico della Coop. Proteo e agli ecovolontari del Comune di Mondovì che hanno spiegato nel dettaglio perché è importante fare la raccolta differenziata e come farla al meglio, portando anche numerosi esempi e rispondendo alle domande dei partecipanti. Era presente Sandra, una mediatrice culturale di “Spazio Mediazione Intercultura” per tradurre e rendere le spiegazioni più comprensibili a tutti. John Egbe ha poi concluso l’incontro invitando ancora gli ecovolontari alla “Edo State Community” per raggiungere un numero ancora maggiore di associati.

I prossimi incontri

Il progetto Ambientiamoci continua con analoghe riunioni in diverse comunità monregalesi: Sabato 16 novembre, ore 17, incontro organizzato dalle Comunità musulmane di Mondovì, sala comunale delle conferenze “Scimè”, corso Statuto (lingua arabo-marocchina). Sabato 23 novembre, ore 17, incontro organizzato dalle Comunità evangeliche, sala comunale delle conferenze “Scimè”, corso Statuto (lingua francese). Sabato 30 novembre, ore 17, incontro rivolto in particolare alle donne e organizzato dalle Comunità musulmane, nella moschea di via Cuneo 48/b (lingua arabo-marocchina). In ogni occasione sarà presente un mediatore culturale grazie ad un contributo del CSV “Società Solidale”, stanziato nell’ambito del protocollo immigrazione siglato con la Regione Piemonte.
Nei mesi successivi le comunità che hanno organizzato il progetto faranno una giornata di raccolta rifiuti e pulizia di una zona della città che ci indicherà il Comune e una “Festa dei popoli” organizzata con una particolare attenzione all’ambiente e alla lotta agli sprechi.

Questa voce è stata pubblicata in Ambiente, Attività, Feste tra i popoli, Formazione, Politica, Volontariato e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento