Festa dei popoli 2018

Non ci ha fregati il maltempo, ma le previsioni sbagliate: la Festa dei popoli era stata organizzata nei giardinetti della Stazione con un notevole sforzo logistico, ma poi la pioggia prevista da tutti i siti meteo, ci ha indotti ad utilizzare il piano “B”, ovvero la struttura parrocchiale di Mondovì Altipiano, messa gentilmente a disposizione dalla Parrocchia e dall’Associazione COAR. Poi non ha piovuto, e il piano “B” si è rivelato comunque decisamente all’altezza, grazie anche alla possibilità di utilizzare il bellissimo giardino.

Ma andiamo con ordine. La Festa era in programma da mesi, nell’ambito di “Pane Amaro – Stranieri, migranti e lavoro”, una serie di eventi in collaborazione tra diverse associazioni, comprenderente un concorso fotografico organizzato dall’Associazione Calleri-Cuniberti, una conferenza a cura della Caritas, una rassegna cinematografica (organizzata da MondoQui in stazione). E infine la Festa dei Popoli.

Fin dai giorni precedenti la Festa, i volontari di MondoQui hanno lavorato sodo, ma sabato e soprattutto domenica mattina il lavoro è diventato frenetico: provate voi ad invitare 100 persone a pranzo che poi diventano 120 poi 140 e poi… abbiamo perso il conto…

Ci sono i somoza da infarcire…

E da friggere…

I selfie da scattare…

Gli arancini da friggere, e poi cibi nigeriani, congolesi, ivoriani, pakistani, brasiliani, tunisini, egiziani, albanesi, indiani e diversi piatti italiani a base di pane, che era il tema dell’iniziativa… tutti da cucinare in tanti modi diversi.

Poi sono arrivati gli invitati: un gran codone di buongustai è sfilato davanti ai tavoli con il piatto da riempire di ogni golosità..

Il salone si è riempito e qualcuno ha mangiato anche sui tavoli all’esterno…

C’era anche l’esposizione delle foto del concorso “Scatti di comunità” (l’Associazione MondoQui ha vinto la sezione “associazioni”!).

Fuori è stato allestito il mercatino dello scambio: tra le usanze dell’Associazione MondoQui c’è quella di favorire il riuso, partecipando spesso ai “mercatini delle pulci”. Anche alla Festa dei Popoli abbiamo voluto dare “un assaggio”.

Abbiamo pensato anche ai bimbi, che hanno disegnato e dipinto le foglie dell’albero della bellezza.

Poi sono iniziate le danze: l’Associazione nigeriana di Mondovì “Edo State Community” ha proposto coloratissime coreografie al suono dei tamburi.

Era anche il 10º compleanno dell’Associazione MondoQui: qui Abdelghani commemora l’evento davanti a una simbolica torta con dieci candeline rappresentanti alcune delle più importanti iniziative fatte in questi magnifici anni di militanza e impegno.

È arrivato anche il momento dell’estrazione della lotteria “Tra la terra e il cielo”, organizzata da MondoQui: se avevate comprato biglietti potreste aver vinto: voli in mongolfiera offerti da Heaven Crawley, visite alla cupola del Santuario di Vicoforte offerti da Kalatà e visite alle grotte del Monregalese offerte da Caves. Un grazie di cuore a chi ha offerto i premi e a tutti coloro che hanno acquistato i biglietti. I numeri vincenti sono pubblicati qui.

E poi break dance con i Next Stop Crew…

… sessione di improvvisazione con i nostri super-musicisti…

… e la danza della taranta.

La Festa dei Popoli 2018 è stata anche una eco-festa: abbiamo curato in modo particolare la raccolta differenziata utilizzando stoviglie compostabili. L’assessore all’ambiente Erika Chiecchio ha proposto a tutti un maggiore impegno per la corretta gestione dei rifiuti e per tutto il giorno gli eco-volontari del Comune ci hanno aiutati a suddividere nel modo migliore l’umido, la plastica, il vetro, la carta e l’RSU… Ringraziamo la coop. Proteo per il supporto tecnico e l’amministrazione comunale per la partecipazione alla Festa. Abbiamo avvertito la vicinanza e l’appoggio delle istituzioni, rappresentate alla Festa anche dal vice-sindaco Luca Oliveri.

Questa voce è stata pubblicata in Feste tra i popoli. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento